Press "Enter" to skip to content

10 punti del perchè gli hotel perdono soldi

Stagione estiva post covid, anno 2021. La salvezza dopo la tempesta? Ancora no…
Quanto tempo ci impiegherà la crisi alberghiera per finire ?
I problemi che la situazione pandemica ha creato nel settore alberghiero sono davvero profondi: gli hotel falliscono e i soldi scarseggiano.
Che fare per aiutare gli hotel a superare questa crisi alberghiera?
Partendo dal problema, anzi dai problemi. Leggi questo articolo per capire quali sono i problemi principali che portano alla crisi alberghiera.

Problema 1 della crisi alberghiera: No specializzazione in un target

Ti è mai capitato di andare in albergo e pensare: “ In questo albergo non ritorno più: non mi sento a mio agio”
Probabilmente sei capitato in un albergo non in target con te,ossia non risponde ai tuoi bisogni. Un pò come quando un gruppo di giovani diciottenni capita in un family hotel: un disastro!
Focalizzarsi su un target, permette ad un hotel di massimizzare le forze economiche per rendere il soggiorno dell’ospite tipo, FAVOLOSO! E se un ospite ha un buon ricordo del suo soggiorno in hotel, quell’albergo potrà diventare il suo punto di riferimento per le sue vacanze. E cosa vuol dire questo? Che l’albergo acquisirà soldi ( = prenotazioni) a costo zero, senza spese di pubblicità o di intermediazione.
La non specializzazione in un target ha portato ad intensificare la crisi alberghiera: è per questo che molti hotel falliscono!

Carattere stagionale delle attività

La maggior parte del comparto alberghiero lavora stagionalmente, ossia lavora intensamente pochi mesi, magari estivi e poi attende la stagione successiva. Come fa un hotel a superare la crisi alberghiera mantenendo questo approccio al lavoro? Te lo dico io : non riesce! Questo atteggiamento non porta che ad una conclusione: gli hotel che falliscono.

Problema 3 del fallimento degli hotel: Decontestualizzazione della meta

Spesso gli hotel falliscono perché non hanno abbastanza clienti. Basterebbe contestualizzare l’albergo con l’ambiente che lo circonda per creare un’esperienza singolare per l’ospite ed incentivare non solo le entrate del proprio hotel , ma anche degli operatori locali.Un esempio? Includere nella tariffa dell’hotel una piccola degustazione nella bottega del centro storico, grazie ad un accordo commerciale tra gli esercizi. Idea semplice, ma davvero efficace!

Personale stagionale : gente che viene e che va

Spesso la crisi alberghiera viene collegata ai problemi di gestione del personale, in quanto in questo settore si registrano livelli di turnover davvero molto alti. La ricerca della persona giusta nel posto giusto è sempre un terno all’otto, in quanto spesso la vita lavorativa di un dipendente dura solo una stagione, il tempo di imparare perfettamente tutte le procedure.
Eh si, perchè il tempo per rendere efficiente la “macchina alberghiera” è esso stesso un costo, che diminuisce mantenendo fedeli i propri dipendenti.

Assenza di marketing alberghiero

Avere una bella macchina e poi non mettere benzina. Questo è quello che succede quando non hai ben chiaro quale sia il problema principale della crisi alberghiera.
Se hai un bell’albergo, che lavora bene in una posizione strategica proprio vicino al mare, ma non lo comunichi equivale ad avere una bella macchina e non poterla sfoggiare perché non hai messo benzina.Curioso no?!
La comunicazione è fondamentale per non fare la fine degli hotel che falliscono.

Assenza di investimenti nuovi

Ogni anno le esigenze degli utenti cambiano, e rimanere fermi nella propria struttura di offerta non farà altro che aumentare la crisi alberghiera.
Aggiungere sempre una novità: non è un peccato per il tuo bilancio economico! Solo un’opportunità.L’importante che ogni nuovo investimento faccia parte di un’ottica di miglioramento e non solo vezzo.

Dipendenza da intermediari ( booking e tour operator)

Sono d’accordo che gli intermediari siano un aiuto considerevole per superare la crisi alberghiera, ma non possiamo far arrivare oltre la metà del fatturato da questa fonte! E’ proprio così che la gli hotel falliscono : lasciando la comunicazione e la promozione del proprio hotel in mano a terzi!

Zero contatto con gli ospiti

Eh si, il fulcro di tutto sono proprio gli ospiti! Capire le loro necessità, i loro bisogni o anche solo la loro percezione del valore aggiunto della tua struttura, ti permette di capire se stai lavorando bene oppure se devi migliorare il tiro.
La maggior parte degli alberghi non analizza le recensioni: le legge si, ma non va oltre. Non hai idea di quanti spunti per superare la crisi alberghiera puoi trovare online e gratuitamente!

Parlano a tutti ( e a nessuno)

Pochi hotel hanno capito l’importanza del marketing alberghiero e tra quei pochi c’e’ chi comunica in maniera generalista, che equivale a non comunicare.
Fare marketing e quindi comunicazione è un mestiere e per farlo ci vogliono tempo e soldi. Stai certo però che, se fatto bene, il marketing alberghiero , porta a risultati davvero significativi.Se fatto male: gli hotel falliscono!

Comunicazione banale e standard

Il sito internet di un albergo è uno strumento fondamentale per la comunicazione. Trovare frasi banali tipo “la camera è confortevole e luminosa” o “ personale cordiale e attento ai tuoi bisogni” sono frasi troppo banali e poco funzionali alla vendita. Sempre lo stesso discorso: fare marketing alberghiero fatto bene, ricordi?!

Troppi hotel falliscono perché non si focalizzano sui problemi, che alla fine sono quasi sempre gli stessi, tipici della crisi alberghiera.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *