Press "Enter" to skip to content

Costi esame del sangue

Tenere sempre sotto controllo il nostro organismo è il primo passo per rimanere sempre in salute. Il controllo costante, abbinato ovviamente ad uno stile di vita sano ed equilibrato, permette di vivere meglio e prevenire anche tante patologie di vario tipo.

Senza dubbio, una delle mosse più utili e importanti che possiamo mettere in atto è quella di controllare costantemente il sangue, con le analisi e gli esami di rito. Si tratta di un esame molto semplice a cui sottoporsi, ma che permette di accertare il proprio stato di salute e monitorare dei parametri che potrebbero indicare la presenza di anomalie nel nostro corpo.

Esami del sangue: quando è necessario farli

Ma quando è necessario fare gli esami del sangue? In realtà, non c’è una regola prestabilita. A prescindere da eventuali condizioni cliniche particolari, sarebbe opportuno effettuare i controlli del sangue almeno una volta all’anno. Ovviamente, su consiglio del medico curante, si potrà stabilire se questa cadenza possa essere più frequente.

Gli esami del sangue si possono tranquillamente svolgere in strutture pubbliche, ma anche in strutture private, a patto che sia stato già effettuato il pagamento del ticket. Ovviamente il costo dell’esame varierà a seconda della tipologia di struttura scelta: non esiste, per questo tipo di controlli, un vero e proprio listino prezzi univoco, come invece per altre tipologie di esami o interventi. Sono diversi, come vedremo di seguito, i fattori che possono influire sul costo.

Esami del sangue: costo effettivo

Il primo fattore essenziale da considerare è la ricetta prescritta dal medico. Se ci sono diversi esami da dover sostenere, sicuramente il prezzo sarà maggiore. E non si parla solo di numero di esami prescritti, ma anche la tipologia degli stessi. Per esempio, un controllo di base sarà sempre meno costoso rispetto a diversi esami specifici.

In particolar modo per i controlli di routine, solitamente si tende a ricorrere all’ASL di riferimento, o ad un laboratorio convenzionato. Se si ricorre ad una struttura pubblica, i costi variano a seconda delle disposizioni regionali. Per determinate tipologie di esami, il Sistema Sanitario Nazionale prevede alcune esenzioni dal pagamento del ticket.

Per esempio, in base alla fascia d’età di appartenenza (solitamente sotto i sei anni e sopra i sessantacinque) o in caso di pazienti con malattie rare o croniche.  Alcuni, però, desiderano rivolgersi ad un laboratorio privato e allora il costo degli esami del sangue aumenterà sicuramente. In quest’ultimo caso non è richiesta per forza di cose la ricetta del medico.

In linea di massima, scegliere una struttura pubblica è la mossa giusta se si vuol risparmiare qualcosa. Ciò, però, può comportare dei tempi di attesa più lunghi per ottenere i risultati. È necessario, in tal caso, utilizzare l’impegnativa che viene fornita dal medico di base o comunque da uno specialista: ogni ricetta può contenere al massimo otto esami.

L’importo del ticket varia a seconda della prestazione, anche se la legge prevede un tetto massimo di spesa di 36,15 euro a ricetta. Alcune Regioni, però, lo hanno alzato a 46,15 euro. Per un check up completo di esami del sangue siamo sulla quarantina d’euro mediamente.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *